www.comune.bronte.ct.it 


Amm_trasparente   Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ha riordinato la disciplina riguardante gli obblighi di pubblicita', trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Questa pagina accoglie le informazioni di cui e' prevista la pubblicazione, nello schema indicato dal decreto e comune a tutte le pubbliche amministrazioni (schema successivamente modificato e integrato, giusta Delibera Civit n. 50 del 04/07/2013, allegato 1 "Obblighi di pubblicazione", errata corrige settembre 2013, con s.m.i.).
Le informazioni restano consultabili anche nella sezione "Trasparenza Valutazione e Merito" e nelle altre sezioni di questo sito.
Responsabile della Trasparenza:
Dott.ssa ANNA MARIA CARUGNO (delibera G.M. n.37/2103)


ELENCO INCARICHI CONFERITI A CONSULENTI E COLLABORATORI ESTERNI

 

2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008

 

 

pro

INCARICO

NOMINATIVO

DURATA

COMPENSO

ATTO DI INCARICO

1 Nomina di un collaboratore coordinato e continuativo con contratto a tempo determinato, per supporto agli organi di direzione politica

Avv.

Francesca Longhitano

dal 04/06/2010

al 31/05/2015

anno 2012

29.164,39

Decreto sindacale n 24

del 04/06/2010

2 Incarico per sostituto processuale Avv.
Carla Calì
dal 10.09.2013
al 31.12.2014
€ 25,00 oltre IVA e CPA
per la trattazione nello stesso giorno di un numero massimo di 3 procedimenti, cui aggiungere € 25,00 per ogni eventuale ulteriore procedimento nella stessa giornata
Delibera G.M. n.75
del 10.09.2013
3 Revoca decreto sindacale n.48
del 23.11.2012
Dott.
Giuseppe Marcenò
    Decreto Sindacale n.2
del 31.01.2014
Incarico di esperto estraneo all'Amministrazione all'Ing. Nicola Russo per problematiche in materia ambientale Ing.
Nicola Russo
dal 01-02-2014
al 30-04-2014
€ 3.806,4 Decreto Sindacale N. 4
del 31/01/2014
5 Incarico di esperto estraneo all'Amministrazione al Dott. Giovanni Cavallaro nell'ambito della gestione del Servizio Idrico Integrato. Modifica del Decreto Sindacale n. 34 del 19-12-2013 Dott.
Giovanni Cavallaro
dal 01-01-2014
al 28-02-2014
€ 2.537,6 Decreto Sindacale N. 3
del 31-01-2014
6 Incarico di esperto ai sensi dell'art. 14 della L.R. n.7/1992 Dott.
Giuseppe Marcenò
dal 01.03.2014
al 31.05.2014
5.374,40 Decreto Sindacale N. 8
del 27-02-2014
7 Incarico ricevuto giusta deliberazione di G.M. n.43 del 05.06.2013 per proporre appello avverso la sentenza n.1163/2013 del TARS di Catania, nel giudizio promosso da Currao Carmela ed altri contro Di Martino e Comune di Bronte Avv.
Francesco Caruso
  € 0 Delibera di Giunta n 43 del 05-06-2013
8 Incarico ricevuto giusta deliberazione di G.M. n.119 del 23.12.2103 per la difesa e patrocinio dell'Ente, nel giudizio promosso da Meli Anselmo c/ Comune di Bronte Avv.
Fiorella Russo
  € 8.707,14 Delibera di Giunta n. 119 del 23-12-2013
9 Incarico ricevuto per la difesa di questo Comune nel giudizio di primo grado proposto dalla Sig.ra D'Amico Alfia + 1. Avv.
Giovanna Caruso
  € 724,84 Delibera di Giunta n. 53 del 11/07/2013
10 Incarico ricevuto per la difesa di questo Comune nel giudizio di primo grado proposto dal Sig. Pinzone Giuseppe + 1. Avv.
Giovanna Caruso
  € 1.892,63 Delibera di Giunta n. 54 del 11/07/2013
11 Incarico ricevuto  per la difesa di questo Ente nel giudizio tra Comune di Bronte e Sanfilippo Giuseppe. Avv.
Giovanna Caruso
  € 638,64 Delibera di Giunta n. 78 del 26-09-2013
12 Incarico ricevuto  per la difesa di questo Ente  nel giudizio promosso da Putrino Giuseppa. Avv.
Giovanna Caruso
  € 2.008,36 Delibera di Giunta N. 94 del 31-10-2013
13 Incarico ricevuto  per la difesa di questo Ente  nel giudizio promosso da Pecorino Vincenzo e Pecorino Giuseppe. Avv.
Giovanna Caruso
  € 2.008,36 Delibera di Giunta N. 100 del 20-11-2013
14 Incarico ricevuto per la difesa e patrocinio dell'Ente, nel giudizio pendente dinnanzi alla Ecc.ma Corte di Cassazione di Roma tra SIAS S.r.l. e Comune di Bronte Avv.
Antonino Uccellatore
  € 3.000,00 oltre IVA e CPA Delibera di Giunta N. 46 del 19-05-2014
15 Incarico ricevuto di difensore del Comune di Bronte nei giudizi ove le spese per il patrocinio legale sono a carico della compagnia di assicurazione che copre il Comune per la RCT Avv.
Santo Spagnolo
     
16
Incarico del consulente per il progetto PSR Sicilia 2007/2013 -Misura 32I/AServizi essenziali e infrastnitture rurali -Azione 1 Servizi commerciali rurali Miglioramento dell’area mercatale semiaperta di Via Mosè

Dichiarazione art. 15 c.1 lett.c D.lgs 33/2013
Dichiarazione su insussistenza cause inconferibilità...
Curriculum vitae
Dott.
Francesco Paolo Leanza
  € 13.050,00 Determina N. 50 del 23-07-2014 VI Area

 

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

 

TRIENNIO 2014/2017

 

Atto di incarico: Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 13-01-2015

 

PRESIDENTE: Dott.ssa Meli Giuseppa

COMPONENTE: Dott. Piazza Alfredo

COMPONENTE: Rag. Saitta Salvatore

 
COMPETENZE:
  • E’ organo di supporto al Consiglio Comunale. Il servizio è inserito nel Settore Affari Generali

  • Le funzioni dell’Organo di revisione economico – finanziaria sono indicate nel Decreto Legislativo 18/08/2000 n. 267 al titolo III art. 234 – 241

  • Collaborazione alle funzioni di controllo e di indirizzo del Consiglio Comunale esercitata mediante pareri e proposte relativamente a:

  1. Bilancio di previsione e documenti di programmazione allegati;
  2. variazioni ed assestamenti di bilancio;
  3. debiti fuori bilancio riconoscibili ai sensi di legge;
  4. convenzioni tra Comuni, tra Comuni e Provincia, costituzione e modificazione di forme associative;
  5. costituzione di istituti e aziende speciali
  6. partecipazione a società di capitali
  7. indirizzi da osservare da parte delle aziende pubbliche e degli enti dipendenti, sovvenzionati o sottoposti a vigilanza.
  • Vigilanza e referto sulla regolarità economico – finanziaria della gestione realizzata mediante verifiche trimestrali in ordine a:

  1. Acquisizione delle entrate;
  2. Effettuazione delle spese;
  3. Gestione di cassa, del servizio di tesoreria e degli agenti contabili;
  4. Attività contrattuale;
  5. Amministrazione dei beni;
  6. Adempimenti relativi agli obblighi fiscali;
  7. Tenuta della contabilità.
  • Consulenza e referto in ordine alla
  1. Efficienza, produttività ed economicità della gestione anche funzionale all’obbligo di redazione della relazione conclusiva che accompagna la proposta di deliberazione consiliare del rendiconto;
  2. Rilevazione di eventuali irregolarità nella gestione
  • Ogni altro controllo, riscontro e referto previsto dalle disposizioni normative vigenti, e precisamente ai sensi e per gli effetti del d.lgs. 286/99 che prevede tra l'altro oltre un controllo contabile, anche un controllo amministrativo di legittimità (verifica, adeguatezza dei processi decisori, della legittimità delle deliberazioni del raggiungimento degli obiettivi ecc..)

 

DAL TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL'ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI - D.Lgs. 267/2000
 
 
art. 234 - Organo di revisione economico-finanziario

  1. I consigli comunali, provinciali e delle città metropolitane eleggono con voto limitato a due componenti, un collegio di revisori composto da tre membri.
  2. I componenti del collegio dei revisori sono scelti:
     
     
    1. uno tra gli iscritti al registro dei revisori contabili, il quale svolge le funzioni di presidente del collegio;
    2. uno tra gli iscritti nell'albo dei dottori commercialisti;
    3. uno tra gli iscritti nell'albo dei ragionieri.

     
  3. Nei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, nelle unioni dei comuni e nelle comunità montane la revisione economico-finanziaria è affidata ad un solo revisore eletto dal consiglio comunale o dal consiglio dell'unione di comuni o dall'assemblea della comunità montana a maggioranza assoluta dei membri e scelto tra i soggetti di cui al comma 2.
  4. Gli enti locali comunicano ai propri tesorieri i nominativi dei soggetti cui è affidato l'incarico entro 20 giorni dall'avvenuta esecutività della delibera di nomina.

 
art. 235 - Durata dell'incarico e cause di cessazione

  1. L'organo di revisione contabile dura in carica tre anni a decorrere dalla data di esecutività della delibera o dalla data di immediata eseguibilità nell'ipotesi di cui all'articolo 134, comma 3, e sono rieleggibili per una sola volta. Ove nei collegi si proceda a sostituzione di un singolo componente la durata dell'incarico del nuovo revisore è limitata al tempo residuo sino alla scadenza del termine triennale, calcolata a decorrere dalla nomina dell'intero collegio. Si applicano le norme relative alla proroga degli organi amministrativi di cui agli articoli 2, 3 comma 1, 4 comma 1, 5 comma 1, e 6 del decreto legge 16 maggio 1994, n. 293, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 1994, n. 444.
  2. Il revisore è revocabile solo per inadempienza ed in particolare per la mancata presentazione della relazione alla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto entro il termine previsto dall'articolo 239, comma 1, lettera d).
  3. Il revisore cessa dall'incarico per:
     
     
    1. scadenza del mandato;
    2. dimissioni volontarie;
    3. impossibilità derivante da qualsivoglia causa a svolgere l'incarico per un periodo di tempo stabilito dal regolamento dell'ente.

     

 
art. 236 - Incompatibilità ed ineleggibilità dei revisori

  1. Valgono per i revisori le ipotesi di incompatibilità di cui al primo comma dell'articolo 2399 del codice civile, intendendosi per amministratori i componenti dell'organo esecutivo dell'ente locale.
  2. L'incarico di revisione economico-finanziaria non può essere esercitato dai componenti degli organi dell'ente locale e da coloro che hanno ricoperto tale incarico nel biennio precedente alla nomina, dai membri dell'organo regionale di controllo, dal segretario e dai dipendenti dell'ente locale presso cui deve essere nominato l'organo di revisione economico-finanziaria e dai dipendenti delle regioni, delle province, delle città metropolitane, delle comunità montane e delle unioni di comuni relativamente agli enti locali compresi nella circoscrizione territoriale di competenza.
  3. I componenti degli organi di revisione contabile non possono assumere incarichi o consulenze presso l'ente locale o presso organismi o istituzioni dipendenti o comunque sottoposti al controllo o vigilanza dello stesso.

 
art. 237 - Funzionamento del collegio dei revisori

  1. Il collegio dei revisori è validamente costituito anche nel caso in cui siano presenti solo due componenti.
  2. Il collegio dei revisori redige un verbale delle riunioni, ispezioni, verifiche, determinazioni e decisioni adottate.

 
art. 238 - Limiti all'affidamento di incarichi

  1. Salvo diversa disposizione del regolamento di contabilità dell'ente locale, ciascun revisore non può assumere complessivamente più di otto incarichi, tra i quali non più di quattro incarichi in comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, non più di tre in comuni con popolazione compresa tra i 5.000 ed i 99.999 abitanti e non più di uno in comune con popolazione pari o superiore a 100.000 abitanti. Le province sono equiparate ai comuni con popolazione pari o superiore a 100.000 abitanti e le comunità montane ai comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti.
  2. L'affidamento dell'incarico di revisione è subordinato alla dichiarazione, resa nelle forme di cui alla legge 4 gennaio 1968, n. 15, e successive modifiche ed integrazioni, con la quale il soggetto attesta il rispetto dei limiti di cui al comma 1.

 
art. 239 - Funzioni dell'organo di revisione

  1. L'organo dei revisione svolge le seguenti funzioni:
     
     
    1. attività di collaborazione con l'organo consiliare secondo le disposizioni dello statuto e del regolamento;
    2. pareri sulla proposta di bilancio di previsione e dei documenti allegati e sulle variazioni di bilancio. Nei pareri è espresso un motivato giudizio di congruità, di coerenza e di attendibilità contabile delle previsioni di bilancio e dei programmi e progetti, anche tenuto conto del parere espresso dal responsabile del servizio finanziario ai sensi dell'articolo 153, delle variazioni rispetto all'anno precedente, dell'applicazione dei parametri di deficitarietà strutturale e di ogni altro elemento utile. Nei pareri sono suggerite all'organo consiliare tutte le misure atte ad assicurare l'attendibilità delle impostazioni. I pareri sono obbligatori. L'organo consiliare è tenuto ad adottare i provvedimenti conseguenti o a motivare adeguatamente la mancata adozione delle misure proposte dall'organo di revisione;
    3. vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione relativamente all'acquisizione delle entrate, all'effettuazione delle spese, all'attività contrattuale, all'amministrazione dei beni, alla completezza della documentazione, agli adempimenti fiscali ed alla tenuta della contabilità; l'organo di revisione svolge tali funzioni anche con tecniche motivate di campionamento;
    4. relazione sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione e sullo schema di rendiconto entro il termine, previsto dal regolamento di contabilità e comunque non inferiore a 20 giorni, decorrente dalla trasmissione della stessa proposta approvata dall'organo esecutivo. La relazione contiene l'attestazione sulla corrispondenza del rendiconto alle risultanze della gestione nonché rilievi, considerazioni e proposte tendenti a conseguire efficienza, produttività ed economicità della gestione;
    5. referto all'organo consiliare su gravi irregolarità di gestione, con contestuale denuncia ai competenti organi giurisdizionali ove si configurino ipotesi di responsabilità;
    6. verifiche di cassa di cui all'articolo 223.

     
  2. Al fine di garantire l'adempimento delle funzioni di cui al precedente comma, l'organo di revisione ha diritto di accesso agli atti e documenti dell'ente e può partecipare all'assemblea dell'organo consiliare per l'approvazione del bilancio di previsione e del rendiconto di gestione. Può altresì partecipare alle altre assemblee dell'organo consiliare e, se previsto dallo statuto dell'ente, alle riunioni dell'organo esecutivo. Per consentire la partecipazione alle predette assemblee all'organo di revisione sono comunicati i relativi ordini del giorno. Inoltre all'organo di revisione sono trasmessi:
     
     
    1. da parte dell'organo regionale di controllo le decisioni di annullamento nei confronti delle delibere adottate dagli organi degli enti locali;
    2. da parte del responsabile del servizio finanziario le attestazioni di assenza di copertura finanziaria in ordine alle delibere di impegni di spesa.

     
  3. L'organo di revisione è dotato, a cura dell'ente locale, dei mezzi necessari per lo svolgimento dei propri compiti, secondo quanto stabilito dallo statuto e dai regolamenti.
  4. L'organo della revisione può incaricare della collaborazione nella propria funzione, sotto la propria responsabilità, uno o più soggetti aventi i requisiti di cui all'articolo 234, comma 2. I relativi compensi rimangono a carico dell'organo di revisione.
  5. I singoli componenti dell'organo di revisione collegiale hanno diritto di eseguire ispezioni e controlli individuali.
  6. Lo statuto dell'ente locale può prevedere ampliamenti delle funzioni affidate ai revisori.

 
art. 240 - Responsabilità dell'organo di revisione

  1. I revisori rispondono della veridicità delle loro attestazioni e adempiono ai loro doveri con la diligenza del mandatario. Devono inoltre conservare la riservatezza sui fatti e documenti di cui hanno conoscenza per ragione del loro ufficio.

 
art. 241 - Compenso dei revisori

  1. Con decreto del Ministro dell'interno di concerto con il Ministro del tesoro del bilancio e della programmazione economica vengono fissati i limiti massimi del compenso base spettante ai revisori, da aggiornarsi triennalmente. Il compenso base è determinato in relazione alla classe demografica ed alle spese di funzionamento e di investimento dell'ente locale.
  2. Il compenso di cui al comma 1 può essere aumentato dall'ente locale fino al limite massimo del 20 per cento in relazione alle ulteriori funzioni assegnate rispetto a quelle indicate nell'articolo 239.
  3. Il compenso di cui al comma 1 può essere aumentato dall'ente locale quando i revisori esercitano le proprie funzioni anche nei confronti delle istituzioni dell'ente sino al 10 per cento per ogni istituzione e per un massimo complessivo non superiore al 30 per cento.
  4. Quando la funzione di revisione economico-finanziaria è esercitata dal collegio dei revisori il compenso determinato ai sensi dei commi 1, 2 e 3 è aumentato per il presidente del collegio stesso del 50 per cento.
  5. Per la determinazione del compenso base di cui al comma 1 spettante al revisore della comunità montana ed al revisore dell'unione di comuni si fa riferimento, per quanto attiene alla classe demografica, rispettivamente, al comune totalmente montano più popoloso facente parte della comunità stessa ed al comune più popoloso facente parte dell'unione.
  6. Per la determinazione del compenso base di cui al comma 1 spettante ai revisori della città metropolitana si fa riferimento, per quanto attiene alla classe demografica, al comune capoluogo.
  7. L'ente locale stabilisce il compenso spettante ai revisori con la stessa delibera di nomina.

 

 

Collegio dei Revisori triennio 2011/2014